Il vocativo - المُنَادَى

   In lingua araba, per chiamare una persona si usano delle particelle, che precedono il nome, la più usata è la ya ( يا ) e viene chiamata "lettera di chiamata", in arabo " حَرْفُ نِداءٍ " mentre il nome chiamato viene detto in arabo "al munada (il chiamato)" --- "المُنَادَى".

 Per chiamare giuseppe dico ya giuseppe ----- يَا يوسُفُ 

e per chiamare Laura dico ya Laura ------- يا لاورا

e cosi via.

Impropriamente, la particella ya, può essere usata  anche per nomi di animali, cose o aggettivi,  applicati a persone ad esempio si dice ُيا بَطَل ( O campione) o ُيا حِمار (asino).

Diciamo che la particella يا è la più usata nel linguaggio comune, ma esistono altre particelle che si trovano spesso nei testi letterari, poesie e di saggistica.

Per chi studia l'arabo da poco è più che sufficiente conoscere questa particella ( يا ), per chi vuole addentrarsi e scoprire altre meraviglie della lingua araba, leggere poesie, saggistica e trattati di letteratura araba, allora è importante conoscere le altre lettere vocative, che ognuna delle quali rappresenta uno stato d'animo, una situazione o altro.

Un altro complemento vocativo molto usato nei discorsi, comizi e nel corano è أيُّها per il maschile e أيَّتُها per il femminile.

Esempi: أيُّها المُدَرِّس (oh insegnante...) , أيَّتُها السَّيِّدة (oh signora ....). Queste due particelle possono essere procedute da يا come ad esempio  يا أيُّها البائِع, ماذا تبيع؟ (Oh venditore, cosa vendi?)

Le altre lettere vocative sono :  أيا ـ هيا ـ أي ـ الهمزة ـ وآ ـ وا .

Frasi e Proverbi

 

 

 

Il tuo nome in arabo