Indice articoli

Un saggio disse:

Ho visto (incontrato) un uomo cieco che chiedeva alla gente (chiedeva l'elemosina) dicendo:

Un debole, un meschino , un povero... (queste parole sono con la "tanuin fathah ًًـا ", e quindi nella grammatica araba assumono la funzione di complemento oggetto مَفعول بِهِ , in realtà essendo nomi (aggettivi) che si trovano a inizio frase dovrebbero essere al nominativo "tanuin dhammah  ٌ " , perchè dovrebbero rappresentare il soggetto, ma l'uomo diceva cosi.

Allora gli dissi: hei tu, perchè all'accusativo?

E lui disse : sottintendendo il verbo "Abbiate pietà/ impietositevi" 

Allora il saggio disse: presi tutto quello che avevo di soldi, e glielo diedi con gioia, per la sua perspicacia.

Conclusione : I saggi, i poeti ed i letterari nel mondo arabo antico, erano sempre ben felici di sentire e di apprezzare tutti i giochi di parole, che si possono avere con le parole, le particelle e le frasi, senza mai violare le regole della grammatica. 

 

Frasi e Proverbi

 

 

 

 

Il tuo nome in arabo