Come abbiamo detto le lettere dell'alfabeto arabo sono 28, di cui tre sono vocali e 25 consonanti. Per scrivere in arabo bisogna conoscere il modo in cui si trasformano le lettere

quando fanno parte di una parola e cioè quando non sono isolate. Nella scrittura araba che è solo corsiva è necessario conoscere come legare le lettere l'una all'altra in modo univoco e facile di riconoscere anche dopo la trasformazione. Nel passaggio delle lettere da iniziali a mediane o finali è molto importante appunto riconoscere le lettere e quindi devono conservare una parte che distingue ognuna di esse, di solito tutte le lettere conservano la parte iniziale e la modifica avviene solo nella parte finale, permettendo alle lettere di legarsi sul rigo.

Abbiamo detto, e lo ripetiamo qui per ripassare insieme le lezioni precedenti, che tutte le lettere legano con la precedente, e tutte le lettere legano con le successive tranne le sei seguenti:

ا د ذ ر ز و

َQueste lettere non legano con le lettere che le seguono, un motivo per questo comportamento può essere quello di finire sotto il rigo, e tranciando la parte che sta sotto il rigo si rischia di trovarsi in gran confusione, si pensi ad esempio alla "nun" ن che quando è iniziale perde la parte finale e diventa cosi نـ che sarebbe facilmente confondibile con la lettera "zai" ز, insomma per questo e per altri motivi, i nostri grammatici hanno deciso di non legare il gruppo di lettere di sopra con le lettere che le seguono.

Ok abbiamo capito ma, se noi stacchiamo le lettere di sopra, allora ci sarà uno spazio, ma lo spazio esiste anche tra una parola e al'altra, come facciamo a capire se le due parole sono staccate perché sono due parole separate, o sono due pezzi (sillabe) di una sola parola? 

Domanda molto pertinente, la risposta è molto semplice, ed è quella di dare più spazio tra le due parole separate e meno spazio ai "due pezzi o più"" di una sola parola.

Facciamo qualche esempio :

Supponiamo di dovere scrivere in arabo la frase " La casa di Marco" , in arabo si dice cosi دار ماركو, ora osservate bene le due parole دار e ماركو, la prima parola è composta da tre lettere che non legano dopo e quindi sono tutte separate, ma lo spazio di separazione tre di esse è minimo e può essere ancora più ridotto con la scrittura manuale, mentre lo spazio tra una parola e la successiva è molto più evidente, sia scrivendo con la tastiera sia scrivendo a mano.

Nella pagina successiva trovate delle esercitazioni consigliate.

Frasi e Proverbi

 

 

 

Il tuo nome in arabo